Google+

Grafica, disegno e editoria "do it yourself": l’immaginario di Carol Rollo

posted by Redazione at 11/02/2014

Grafica, disegno e editoria "do it yourself": l’immaginario di Carol Rollo

«Alle elementari disegnai un faccione sorridente e lo mostrai alla maestra, che mi disse: “Ma dai, questa non è roba tua. Tira fuori qualcosa di vero”. Forse non era stata così rude, ma capii che esprimersi attraverso le immagini non significa compiacere».

E infatti Carol Rollo, giovane illustratrice sarda, ha deposto i faccioni riverenti per dare libero sfogo a un immaginario che ha reso il suo tratto inconfondibile. Su carta, tessuti e tra le pagine dei libercoli autoprodotti e firmati Perropanda, il progetto d’editoria do-it-yourself che porta avanti dal 2011 con il compagno e graphic designer Federico Orrù, in arte Neeva, cui di recente si è aggiunto anche l’illustratore Giaime Loi

Dopo varie esperienze in Italia e all’estero - da Torino per gli studi, a Barcellona e Berlino per specializzarsi e crescere professionalmente - un anno fa Carol è tornata in Sardegna, dove oggi lavora come disegnatrice e grafica per un’agenzia di comunicazione pubblicitaria. E’ così che è avvenuto l’incontro con YESEYA: il logo e l’architettura grafica dell’intero progetto portano la sua firma. Che ritroverete anche nella prima edizione di T-shirt che porteremo online molto presto. E adesso non resta che curiosare un po’ tra i suoi colori…


Quali sono gli elementi ricorrenti nel tuo immaginario?
Abbigliamento da impiegato, estremità mozzate, gufi, frutta e verdura.

Carol Rollo, graphic design

E gli spunti?
I miei riferimenti sono soprattutto cinematografici: Linklater, Kaufman, Solondz su tutti. Le atmosfere cariche di inquietudine che sanno creare e i personaggi contorti ma apparentemente normali che costruiscono. La sensazione di quiete prima della tempesta mi accompagna spesso quando disegno una tavola, come se nella scena dopo potesse verificarsi un’esplosione.


Illustrazione, disegno grafico, matite su carta. Cosa viene prima?

La bic sui blocchi di appunti: la penna ti impedisce di cancellare, il blocco di carta riciclata toglie la pesantezza del foglio pregiato che se parti male devi buttarlo. Una volta eliminata l’ansia da prestazione si può andare avanti tranquilli.

A chi parlano i tuoi lavori? 
Più che parlare, ti si siedono accanto e ordinano da bere.
Carol Rollo
E cosa raccontano?
Storie surreali di solitudine, insicurezza e zen quotidiano.


Cosa ti soffermi ad ammirare?

Le insegne tipografiche di una volta, come queste...


Nel panorama artistico contemporaneo quale esperienza meriterebbe più attenzione?

Le autoproduzioni. Realtà come kuš! komiksi, Nobrow Press, Delebile, Teiera. Edizioni fatte in casa che stanno diventando sempre più importanti nel panorama internazionale, senza perdere lo spirito con cui sono nate.


Carol Rollo

E cos'è sopravvalutato?

Rischio di essere fucilata, ma dico il disegno grafico fine a se stesso. Non mi convince come mezzo espressivo individuale, per me è un veicolo di messaggi il cui scopo è unicamente quello di renderli più interessanti e accessibili. Ma questo probabilmente perché l’ho sempre vissuto come un mestiere, più vicino all’artigianato che all’arte.


Torino, Barcellona, Berlino, fino all'antico quartiere popolare di Villanova a Cagliari. La capitale europea o un quartiere-paese dentro una città?

Per ora la seconda. Dentro casa entrano contemporaneamente odore di curry e canti dei tenores. Gli anziani villanovesi dividono le sedie in plastica con la ragazza pakistana che gestisce la bottega affianco. Bambini bengalesi che hanno imparato il sardo prima dell’italiano. E poi se voglio andare al mare devo solo prendere la bici - l’inverno non esiste (dite quello che volete, ma questo non è inverno! - e quando mia mamma fa i ravioli me ne lascia una busta sul davanzale.


Nel 2011 nasce Perropanda Edizioni: un progetto d'editoria do-it-yourself. Avanguardia o nostalgia?

La nostalgia delle zine fotocopiate ha sicuramente messo in moto tutto quanto, dopo di che la raffinatezza e la cura delle produzioni contemporanee ha posto altri obiettivi a livello di qualità di stampa. Anche in questo aspetto tendiamo ad essere conservativi e ad affidarci il più possibile a tecniche artigianali. Non la definirei avanguardia, è più un recupero di mestieri del passato per creare prodotti contemporanei.



Perropanda Edizioni

Cos'ha firmato, ad oggi, il Perropanda?

Cinque librini, varie stampe serigrafiche su carta e tessuto, e stiamo per mandare in stampa un progetto importante, per cui abbiamo coinvolto molti illustratori locali e stranieri. Lo presenteremo qui a Cagliari entro Marzo.

Si avvicina carnevale. Consigliaci una maschera da creare in tre mosse e senza spendere un soldo.
Prendi un cartoncino, ci disegni su un ovale con due orecchie e un becco, gli ritagli i buchi per gli occhi, incolli ai lati un filo con dello scotch et voilà: sei un gufo.

 

Carol Rollo, gufo

 

Link:

www.illustreisenauer.com 
www.facebook.com/illustreisenauer  
www.illustreisenauer.etsy.com 

 

di REDAZIONE YESEYA

Commenti


Aggiungi un commento
* Dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla Privacy
 
 
Clicca qui per configurare il componente!